Burraco, Scala Quaranta, Tressette
   Registrati: 399938    Visitatori: 9234188    Connessi: 00925    Tavoli: 00221

Storia dell'arte e delle origini delle carte da gioco


Per oltre sei secoli - a parte la loro funzionalità come un gioco numerico - le carte da gioco sono state scelte come un mezzo per esprimere la maestria artistica; l'impegno estetico e ornamentale va dalle carte dipinte a mano o incise per i patroni medievali, alle delizie cromo-litografiche del XIX secolo, fino alle carte da gioco moderne.
Per una spiegazione dettagliata delle origini dei giochi di carte consultate "Storia dei giochi di carte"

Prime carte da gioco ed il loro utilizzo

Esempio di carte da gioco antiche n°1

Le prime carte da gioco venivano dipinte a mano, spesso dorate, e progettate per essere oggetti belli. I mazzi di carte vengono menzionati in antichi testamenti e inventari, e venivano donate come regali di nozze, ad indicare come queste fossero considerate di valore e preziose. Non solo le carte venivano dorate, dipinte in vari colori e decorate con motivi ornamentali, ma spesso l'arte figurativa stessa mostrava grande abilità artistica tramite l'armonia dei colori e la grazia delle forme.

Un gruppo dei primi riferimenti letterari si riferiscono al gioco come 'introdotto da un saraceno', 'il gioco moresco' ecc. che, insieme ad alte prove etimologiche, suggeriscono che gli arabi introdussero le carte da gioco in Europa nella seconda metà del XIV secolo e che le carte europee si sono evolute dal sistema di semi e dalla composizione di queste carte.

Esempio di carte da gioco antiche n°2

Le carte da gioco hanno sempre servito due scopi distinti: il gioco d'azzardo, e la pratica dei giochi di abilità. La loro introduzione ha fornito una nuova alternativa a dadi ed aliossi. Entrambi i tipi di giochi esistevano in Europa anche dopo la prima introduzione delle carte da gioco. I divieti di giocare a carte e le denunce da parte dei predicatori dimostrano il loro uso diffuso per il gioco d'azzardo. Tuttavia, anche istanze di carte da gioco utilizzate per i giochi di abilità sono registrate.

La mente dell'uomo ama catalogare e classificare le esperienze ... gli elementi, i punti cardinali, i cicli lunari, le virtù, le sfere celesti, i temperamenti, le tassonomie e le gerarchie. Molti mazzi di carte da gioco sono stati progettati con un sistema del genere, un pratico ​​dispositivo per la rappresentazione di fatti fondamentali della vita, uno strumento di aiuto della memoria o di insegnamento, un mezzo di condensazione delle conoscenze. Il soggetto poteva rappresentare qualsiasi cosa, dalla botanica all'araldica, dalla cosmologia alla geografia. Anche la satira politica è stata fonte di ispirazione per i mazzi di carte.

Il formato del mazzo - semi, carte numerali e gerarchia - ha servito molti scopi secondari di là di un dispositivo di gioco. Può essere usato per predire il futuro, e nel caso dei tarocchi, è diventato una religione popolare. In considerazione di ciò, teorie fantasiose o esotiche sono state proposte per spiegare le origini e il vero significato dei mazzi di carte da gioco e il loro simbolismo. Tuttavia, i dati indicano che non era niente più che un nuovo tipo di gioco, almeno all'inizio. Ciò che è accaduto da allora è un'altra storia...

L'evoluzione delle Carte Europee

I primi riferimenti europei per carte da gioco risalgono al 1370 e provengono da Catalogna (Spagna), Firenze, Francia, Siena, Viterbo, Germania meridionale e Svizzera. Le carte di questa era non sono sopravvissute, ma le fonti indicano che le carte venivano dipinte 'in oro e vari colori' o 'dipinte e dorate', il che suggerisce confezioni di lusso. Le prime carte da gioco superstiti risalgono al XV secolo.

Esempio di carte da gioco antiche n°3

La mente medievale si deliziava nell'ornato e colorato, e l'arte della miniatura era molto ammirata e praticata. Il contesto culturale diversificato ha portato a una grande diversità di tipi di carte da gioco in base alla regione in cui venivano progettate e prodotte.

L'aumento della domanda di beni culturali ha portato all'invenzione di metodi più veloci e meno costosi di produzione ... xilografie, caratteri mobili, carta invece di pergamena ecc. Man mano che le carte da gioco sono diventate più popolari la produzione è stata accelerata da questi processi alternativi, comprese le carte fatte a mano, stampate da blocchi di legno o utilizzando stencil, o create con altre tecniche improvvisate.

Le carte più costose venivano prodotte da incisioni in rame utilizzando le competenze degli orafi e degli intagliatori. Queste carte avevano maggiori dettagli e tali mazzi venivano dati come regali di nozze, trattate come cimeli di famiglia, e considerate preziose materie prime. Spesso erano prodotte per i collezionisti più benestanti.

I mazzi di carte di lusso dipinti a mano erano disponibili solo per pochi, che li usavano privatamente o con pochi eletti, generalmente appartenenti all'alta società. Le versioni stampate o prodotte meccanicamente, più crude nel design e nell'esecuzione, erano adatte ad un pubblico più ampio, ma erano inclini a deteriorarsi più rapidamente.

Origine delle immagini

Esempio di carte da gioco antiche n°4

La tradizione degli artigiani per tutto il periodo medievale era di lavorare da modelli di immagini disegnati su album di schizzi raccolti su frammenti di pergamena. Questi modelli venivano copiati di volta in volta, in modo che le immagini si diffondessero tra i vari laboratori e da maestro ad allievo. Le immagini ottenute durante i viaggi all'estero spesso contenevano errori di osservazione e di proporzione che venivano aggravati dalla successiva copiatura.

Le immagini su molte carte da gioco antiche assomigliano al repertorio di animali, piante, uccelli e fiori che si ripete quasi identico nell'arte di quel tempo. Spesso il tema era un'allusione giocosa a tornei, bambini saltellanti o finte guerre tra animali. Alcune carte da gioco sono state prodotte da pittori la cui principale fonte di reddito poteva consistere di altre forme di pittura.

I design furono influenzati anche da testi scritti e storie di moralità. Le piante dall'erbario, gli animali da il bestiario, uccelli e insetti dal Libro delle Ore, tutto suggerisce un simbolismo, un linguaggio semiotico, un eco del mondo quotidiano, delle credenze popolari e della saggezza proverbiale. Il mazzo di carte da gioco ottenne un formato e una struttura propria, e divenne un nuovo linguaggio.

Molti esempi precoci di carte da gioco sono stati ritrovati conservati all'interno delle copertine di vecchi libri, dove sono stati utilizzati come cartone per irrigidire le copertine. Questa è una fortuna, perché quasi tutti gli altri esemplari sono andati perduti.

Il Rinascimento, semi e tipi di carte da gioco

Con l'inizio del Rinascimento in Italia, il nuovo spirito di Umanesimo si stava diffondendo attraverso l'Europa portando un cambiamento di forma e direzione. Questo non ha raggiunto alcune parti d'Europa fino al tardo Rinascimento nel 16 ° secolo.

Gli artisti sono stati commissionati a dipingere qualsiasi cosa, da affreschi parietali attraverso i libri d'Ore alle carte da gioco illuminate, esponendo così il gusto del patrono. In alcuni casi le immagini avevano contenuti esoterici, cristiani, didattici o filosofici, mentre in altri casi ci si basava sulla cultura popolare, oppure ornate con imprese araldiche del proprietario.

Nel 1500 circa, tre sistemi di semi principali si erano evoluti: Latino (tra cui italiano, spagnolo e portoghese); Germanico (tedesco e svizzero) e francese. Prima vennero i sistemi di semi latini, che sono ancora impiegati in Spagna, Americhe, Italia, Filippine e alcune parti della Francia e del Nord Africa. I sistemi di semi germanici (compreso lo svizzero) si sono evoluti dopo un periodo di sperimentazione con diverse combinazioni di semi, e, infine, il sistema di semi francese è stato inventato per poi diventare il sistema di semi più usato in tutto il mondo.

Questi sistemi di semi divennero la base per vari modelli standard nazionali, o tipi nazionali, che sono stati associati a specifiche regioni o giurisdizioni fiscali. Queste erano carte da gioco per uso quotidiano, al contrario delle confezioni di lusso. Molti di questi sono rimasti immutati per secoli, venendo tramandati di generazione in generazione, conservando le loro caratteristiche medievali. Altri si sono evoluti nei tipi moderni.

Le origini del design moderno delle carte da gioco

Il design delle carte da gioco implica un equilibrio tra i vincoli utilitaristici e le possibilità artistiche. Lo scopo fondamentale delle carte da gioco non è cambiato molto negli ultimi 625 anni, ma i precetti e principi fondamentali di design e di stampa sono stati in continuo sviluppo e miglioramento fino ai giorni nostri. Tradizione - o conservatorismo - influenzano piuttosto pesantemente il design delle carte da gioco standard, in particolare le carte di corte, ma l'originalità può essere piacevole in un mazzo con un buon design.

Esempio di carte da gioco moderne n°1

Nel 1820 circa, Hunt è stato il primo produttore a modernizzare il suo design con un ridisegno completo, in cui ha tentato di razionalizzare alcune delle idiosincrasie che si erano insinuate nei disegni delle carte da gioco. Nel 1832, dopo un tentativo di introdurre nuovi modelli "modernizzati", Thomas De la Rue imitò lo stile di carte stampate con i blocchi di legno nella nuova tecnologia di stampa tipografica. Questi disegni vennero successivamente ridisegnati con più decoro e divennero la base per tutte le loro carte di corte.

Esempio di asso di picche personalizzato

Nel 1840 anche Reynolds ha modernizzato le sue carte di corte con nuove decorazioni e pattern sui vestiti. Altri produttori hanno sperimentato con novità o variazioni nei dettagli del design, come i copricapo, le corone, le facce, ecc: Charles Goodall, per esempio, produsse delle carte con un design 'modernizzato', con alcune caratteristiche insolite, che non durarono a lungo.

Nel 1860, Goodall produsse un design completamente nuovo e che è ancora oggi in uso in molteplici imitazioni in tutto il mondo. La riduzione dei dazi doganali per le carte da gioco da uno scellino a tre pence nel 1862 ha portato un esplosione nella vendita delle carte, e senza dubbio nuovi individui furono tentati di entrare nel mercato. I produttori di carte da gioco dell'epoca cominciarono a prendere orgoglio nella qualità e l'eleganza dei loro design, in modo da attirare la clientela migliore, e da questo momento in poi furono progettati speciali Assi di Picche personalizzati(vedi fig.).

I Jolly

Esempio di carte da gioco: il jolly joker

La carta del "Jolly" si crede sia stata inventata dai giocatori americani di Euchre che, quando modificarono le regole nel 1860, decisero che era necessaria una carta vincente in più. In origine si chiamava "The Best Bower" e successivamente "The Jolly Joker" da cui derivano gli abbreviativi "Jolly" e "Joker".

I "Jolly" sono stati introdotti nelle confezioni dei mazzi americani intorno al 1863, ma impiegarono un po' più di tempo per raggiungere le confezioni inglesi e successivamente europee, nel 1880.

E' stato suggerito da Dianne Longley nel 1999 che "il Joker è la 'wild-card', o la carta dell'opportunità, non dissimile dall'ethos di opportunità e di individualità che è stata la forza trainante dietro la ricerca di grandezza americana."

Server di gioco

online Server online

 

Consulta il tuo profilo

Username

Password


Password dimenticata

 

La nostra community

burraco online giochi di carte online
1asso AHAA
tresette online tressette on line
liz1960 wijo
scala40 online scalaquaranta on line
alzavola grangesi...

 

Invita un amico

Mittente

E-mail destinatario


 

Top Ten!

Scacchi
Pos Nickname
1 trinita'60
2 nonvedopine
3 scaccomatto
4 blecchino
5 coccodeee
6 plutus
7 la regina di saba
8 grantamburo
9 kardon66
10 bamba

 

Hall of Fame

Nuova Eureka srl, Via Mario Rapisardi 42c, CAP 00137 Roma - P.Iva: 09680501005
Condizioni Generali di Utilizzo - Privacy